ADX: definire un trend e la sua forza

ADX: definire un trend e la sua forza

 

 

28 Aprile 2016

Un altro strumento che abbiamo menzionato nell’articolo precedente e spesso usato contemporaneamente all’ATR è proprio l’ADX.

La sigla sta per Average Directional Index ed è un oscillatore il cui scopo principale è quello di individuare e definire dei precisi trend. Per la sua funzione, i trader che ne fanno uso prediligono lavorare su timeframe come 30 minuti, 1 ora o anche 24 ore in modo da ridurre la possibilità di ricevere falsi allarmi e cogliere solo quelli che sono ottime entrate a mercato. Nel grafico questo oscillatore, utile per l’analisi tecnica, compare formato da tre curve di diverso colore comprese in una fascia che ha per valori estremi 0 e 100. Le tre curve sono:

  • +DI ovvero Directional Positive Index, curva di colore verde che indica l’intensità dei movimenti rialzisti
  • -DI ovvero Directional Negative Index, curva di colore rosso che misura la forza dei movimenti a ribasso
  • ADX, curva nera che è il risultato delle due precedenti  (in alcune piattaforme è possibile compaia solo quest’ultima)

Dall’indicatore ADX si ottengono 3 risultati di cui i primi due danno informazioni riguardo il tipo di tendenza del trend (up o down/ rialzista o ribassista) :

  • il segnale dell’ADX sarà rialzista (segnale CALL) se l’ADX si trova sopra il valore 25 e  il +DI supera il –DI con un movimento dal basso verso l’alto

 

 

  • il segnale dell’ADX sarà ribassista (segnale PUT) se l’ADX si trova sopra il valore 25 ma questa volta è il –DI che supera il +DI con un movimento dall’alto verso il basso.

 

 

Il terzo segnale ricevuto dall’ADX da informazioni riguardo il grado di forza del trend in corso.

 Se il valore dell’ADX si trova a 40 si parla di super trend, se scende al 20 il trend sta perdendo forza. La fascia compresa tra i valori 16 e 25 definesce un trading range cioè una zona di tranquillità mentre quella compresa tra10 e 15 indica una situazione flat (piatta).

Ribadiamo che, come per l’ATR, anche l’ADX è un indicatore che darebbe risultati migliori se fosse utilizzato insieme ad altri strumenti e non da solo.